Sicuramente in casa capiterà di avere diversi oggetti di argenteria, quali gioielli e monili, ma anche vassoi, posate, cornici e altri manufatti, che molto spesso risultano completamente inutilizzati. Si può pensare però di poter vendere questi oggetti in modo da poterne ricavare un profitto; infatti la quotazione di questo metallo prezioso sta raggiungendo livelli davvero elevati e in alcuni casi la vendita degli oggetti in argento può permettere anche di ottenere della liquidità aggiuntiva per poter affrontare con maggiore liquidità le esigenze della vita.

Se si abita nella capitale, ci si può chiedere dove vendere argento a Roma per poter ottenere un piccolo guadagno. Le alternative per poter ottenere un buon gruzzoletto sono diverse in quanto a Roma sono presenti diverse attività che si occupano di compro oro e argento; in linea di massima l’affare risulta conveniente in quanto da circa 10 anni le quotazioni dell’argento sono in costante aumento e ciò permette davvero di poter concretizzare un buon guadagno.

Il valore di riferimento è fissato dai mercati con un prezzo al grammo puro di argento, anche se quest’ultimo difficilmente viene trovato in commercio: l’argento con il quale sono realizzati la maggior parte dei manufatti è infatti una lega di argento e altri metalli. Uno degli esempi tipici è l’argento 925, ossia una lega che contiene 925 parti di questo metallo prezioso su un totale di 1000.

Per essere certi di concludere un buon affare, quindi, oltre a tenere d’occhio la valutazione dell’argento è necessario anche che sia alta la quantità di argento contenuta all’interno dell’oggetto che si vuole vendere. Basta in ogni caso recarsi in una delle diverse attività presenti a Roma che si occupano di compravendita di oro ed argento usato e che saranno pronti a fornire una valutazione gratuita e senza alcun impegno sui vari oggetti che si vorranno vendere. Appare ovvio e anche scontato che la valutazione di questi monili non sarà ovviamente sempre valida, ma la stessa sarà efficace solo per un periodo di tempo limitato in quanto saranno i mercati a stabilire di volta in volta la quotazione dell’argento. Qualsiasi esercizio commerciale sia scelto, sarà nelle condizioni di effettuare una valutazione precisa dell’argento usato e in linea con le quotazioni più recenti e in ogni caso pronta a poter permettere di realizzare un profitto interessante dai vecchi oggetti che non sono più utilizzati. Il pagamento in contanti sarà previsto fino al limite di € 500,00 mentre per quotazioni superiori si dovrà procedere con assegno bancario o con bonifico per garantire l’opportuna tracciabilità.

Comments

comments

Leave a Reply